Avviamento di emergenza dell’auto – come far partire l’auto con i cavi!

Avviamento di emergenza dell’auto – come far partire l’auto con i cavi!

Un’automobile potrebbe perfettamente funzionare per anni in qualsiasi condizione meteorologica e avviarsi senza problemi ed all’improvviso non vuole più partire. In questa guida leggete cosa bisogna fare in questo caso.

Individuare il problema

Se l’auto non parte, l’avviamento di emergenza non è sempre necessario. Tutto dipende dal tipo di guasto. Esso può manifestarsi in modi diversi, le cause più probabili sono:

1. L’automobile non reagisce dopo l’utilizzo della chiave di accensione.

2. Le luci del cruscotto si accendono appena. Il giro della chiave causa solo un click e il motore emette un suono debole.

3. L’avviatore funziona correttamente, ma il motore non si accende.

avviamento di emergenza dell'autoIl primo caso potrebbe essere legato allo scaricamento completo della batteria, che accade di solito quando l’auto è stata ferma per diverso tempo. Se l’autovettura era in funzione il giorno prima, almeno si devono leggermente accendere le lampadine del cruscotto. Nel caso in cui l’auto sembri completamente “morta”, un’altra causa possibile è scollegamento della batteria dal circuito dell’alimentazione.

Ciò potrebbe succedere se è stato scollegato un polo, tagliato un cavo oppure in caso della forte corrosione del cavo di massa. A questo punto conviene prima di tutto controllare i cavi. È possibile che si sia scollegato il cavo rosso del polo positivo, sebbene sia più comune per il cavo nero del polo negativo. Se uno dei cavi è allentato, probabilmente, avete individuato il difetto. Nelle auto più vecchie il cavo nero bisogna scollegare dalla carrozzeria, esaminare i punti di contatto su due lati e riattaccare il cavo. Per proteggere i contatti dall’ulteriore corrosione utilizzate il lubrificante per i poli.Batteria di avviamento - Oltre 10.000 batterie di marca - Ordina adesso Se questa procedura non dovesse aver successo, la causa possibile è i fusibili difettosi. Prima di procedere con l’avviamento di emergenza è necessario controllare i fusibili, altrimenti il tentativo potrebbe fallire.

l'avviamento di emergenza tradizionale con cavo di massaIl secondo caso è tipico per una batteria vuota, nonostante non si possa escludere un punto di contatto corroso sul cavo di massa. Qui, l’avviamento di emergenza tradizionale è una misura giusta.

controllo prima avviamento di emergenzaNel terzo caso l’auto riceve abbastanza potenza per l’avviatore, ma essa non riceve il carburante, non è presente la scintilla di ignizione oppure non funziona il relè di preaccensione. Nei veicoli a benzina spesso basta dare un’occhiata sotto il cofano: se il cavo di accensione non si trova dove deve essere, il problema è individuato. Il cavo potrebbe staccarsi a causa delle forti vibrazioni nel motore. Semplicemente riattaccate il cavo e l’auto dovrebbe partire.Ordina Candela Di Accensione - Risparmia fino all'80% sull'acquistoIl difetto comune dei veicoli a diesel è il guasto al fusibile della candeletta. La sua posizione è possibile trovare nel manuale di manutenzione. Controllate il componente e sostituitelo, se necessario. Ciò dovrebbe risolvere il problema.

Avviamento di emergenza – step by step

La causa più comune di una batteria vuota è la luce rimasta accesa. Una luce di parcheggio dimenticata può scaricare la batteria in giro di poche ore, causando i problemi con l’avviamento. Nelle auto moderne l’avviamento di emergenza non è completamente privo di rischi per causa di grande quantità di elementi elettronici. È quindi importante per prevenire i danni eseguire la procedura solo in ordine descritto di seguito.

1. Utilizzare il cavo di avviamento adatto
2. Collegare cavo di avviamento
3. Avviare il motore
4. Rimuovere il cavo
5. Ulteriori misure

1. Cavo di avviamento adatto

Cavo di avviamento adattoUn cavo di avviamento non adatto o di qualità inferiore può bruciarsi o causare il danno serio ai componenti elettronici dell’auto. Un cavo adatto ha tre caratteristiche distintive:

1. E’ adatto per i veicoli a diesel (diametro della parte in alluminio da 25 mm² corrisponde al diametro dalla parte in rame da 16 mm²).
2. Le pinze sono completamente isolate, si attaccano bene ed entrambe le superfici di contatto sono collegate al cavo principale.
3. Il cavo ha la protezione da sovratensioni.

La caratteristica più evidente in questo caso è il prezzo: un cavo di avviamento di alta qualità, sicuro e pronto per utilizzo costa a partire da 50 euro. I cavi più economici spesso si bruciano dopo 2-3 tentativi. Ciò soprattutto riguarda i casi quando per avviare un’auto a diesel viene utilizzato il cavo per il veicolo a benzina.

Le pinze di qualità devono avere le seguenti caratteristiche:

– Quando sono chiuse, il metallo non deve essere in vista.
– La pinza può essere aperta solo con la forza.
– Entrambe le superfici di contatto della pinza sono collegate al cavo principale.

La protezione da sovratensioni è una piccolo scatola nera al centro del cavo che collega il cavo nero e quello rosso, spesso dotata di un fotodiodo. Questa protezione è particolarmente importante per il veicolo soccorritore. In questo modo è possibile prevenire gli sbalzi di tensione e proteggere i componenti elettronici.

2. Collegare il cavo di avviamento

Collegare il cavo di avviamentoIl cavo di avviamento viene collegato come indicato di seguito:

1. Parcheggiare entrambe le auto vicine in modo tale da collegare due batterie con il cavo rosso.
2. Spegnere il motore ed il blocchetto dell’accensione, rimuovere entrambi i coperchi dai poli della batteria.
3. Accendere le luci sul veicolo soccorritore.
4. Collegare i poli positivi di entrambe le auto con il cavo rosso.
5. Chiudere il circuito di alimentazione con il cavo nero, collegando le carrozzerie di due auto.

ATTENZIONE! Pericolo di esplosione!
Il cavo nero NON deve essere collegato ai poli negativi delle batterie, ma alla carrozzeria dei due veicoli. La chiusura del circuito causa le scintille sul polo negativo. È importante tenerlo a distanza dalla batteria.

I punti adatti sono:

– appositi punti di terra (indicati con (-))
– fermi del cofano o del bagagliaio
– telaietto del motore
– superfici metalliche del motore.

Se il circuito è chiuso correttamente, le luci del veicolo “donatore” si accenderanno. A questo punto potrete essere sicuri che l’auto si possa avviare.

ATTENZIONE! Non invertire i collegamenti
Il collegamento sbagliato, specialmente se vengono scambiati i poli, causa i gravi danni ad entrambi i veicoli. Nel caso peggiore due batterie possono esplodersi!
ATTENZIONE! NON allungare il cavo di avviamento
In nessun caso non allungate i cavi di avviamento, collegando le pinze degli altri cavi. Se il cavo non è abbastanza lungo per collegare due veicoli, è necessario rimuovere la batteria del veicolo soccorritore.

3. Avviare il motore

Avviare il motore con cavo di avviamentoPrima di avviare il motore è necessario spegnere tutti i dispositivi elettrici ed elettronici:

– fari
– radio
tergicristalli
– lunotto termico
– riscaldamento dei sedili

Quando tutti i componenti elettronici sono spenti accendete l’auto che “dona” energia. In seguito è possibile effettuare il primo tentativo di avviamento.

ATTENZIONE: solo i tentativi di breve durata
Evitate i lunghi tentativi di avviare l’auto, ciò potrebbe bruciare anche il cavo di avviamento di qualità. È meglio effettuare diversi tentativi di breve durata ogni tanto controllando se si possa individuare il problema dopo ogni prova fallita.

4. Rimuovere il cavo di avviamento

Rimuovere il cavo di avviamentoSe entrambi i motori sono avviati, prima bisogna rimuovere il cavo negativo e dopo quello positivo. I cavi vengono riposti in sicurezza e su entrambe le batterie vengono installati i coperchi di protezione.

ATTENZIONE: Rischio di multa
I coperchi protettivi mancanti devono essere sostituiti il più presto possibile. In occasione di controllo si rischia una multa per la mancanza del coperchio protettivo. Lo stesso vale per le batterie fissate male!

5. Dopo l’avviamento di emergenza

l'avviamento di emergenza dell'auto a un servizio di autoDopo aver fatto partire l’auto tramite un cavo la batteria del veicolo deve essere di nuovo caricata. Per fare ciò è necessario guidare per almeno 35-40 minuti senza accendere gli altri componenti elettronici.

È consigliabile caricare la batteria fino al massimo con il caricabatterie presso un’officina. La batteria molto scarica potrebbe essere difettosa, ovvero non è capace di mantenere la tensione e si scarica in continuazione. Prima che ciò accada e si ripeta la necessità di avviare il motore con l’assistenza, è meglio lasciare l’auto collegata al caricabatterie per una notte. Se ciò non dovesse risolvere il problema, la batteria dovrebbe essere sostituita.

L’unico consiglio per il futuro in questo caso è non lasciare mai l’auto con i fari o radio accesi!

Foto: Dmitry Kalinovsky, khonkangrua, pornanan nanthapornpisut, ilovephoto_KA, optimarc, Checubus, Pakpoom Phummee, Oyls, Minerva Studio / shutterstock.com

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (27 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...