Esperienza da James Bond con un display head-up!

Esperienza da James Bond con un display head-up!

Il display head-up (HUD) è un display trasparente che proietta i dati su uno schermo nel campo visivo del conducente. Questo tipo di display fu originariamente inventato per uso militare. Da ormai 25 anni in questa maniera vengono proiettati gli essenziali dati operazionali per i piloti di jet. Inoltre, questa tecnologia innovativa si poteva ammirare utilizzata nell’automobile alla fine degli anni ottanta. Nel film di James Bond “The Living Daylights” l’Aston Martin del famoso agente segreto è dotato di questa opzione.

Soluzione pratica anche per i conducenti
Quando si vola con un jet da combattimento sono importanti le frazioni di secondo. A velocità di centinaia o migliaia di chilometri orari la vista del pilota deve sempre essere diretta verso l’esterno. La situazione nell’auto non è così drammatica. Tuttavia la possibilità di visualizzare tutti i dati operazionali più importanti senza abbassare lo sguardo per vedere il cruscotto è una soluzione attraente, comoda che rende la guida più sicura.

il retrofit dell’auto con un display head-upQuesto gadget sportivo e trendy in realtà è stato sviluppato per i giovani conducenti dinamici. Anche se gli automobilisti più anziani che usano gli occhiali per avere una visione nitida sono molto grati all’head up display. Non c’è bisogno di togliere lo sguardo dalla strada per essere al corrente dei dati più importanti relativi alla guida. Tuttavia, bisogna considerare la differenza tra i singoli dispositivi e soluzioni.

Applicazione mobile: economica, ma con tanti limiti

Applicazione mobile per un display head-upÈ possibile trasformare il vostro smartphone in un display head-up. Comunque, non si tratta solo di un semplice scaricamento di un’app adatta. Il vero vantaggio dell’interfaccia è la sua trasparenza.

Quindi, uno smartphone nel vostro campo visivo non è una soluzione accettabile. In commercio si possono trovare i supporti per gli smartphone che permettono di posizionare l’apparecchio in senso orizzontale in modo che il suo display illumini una pellicola riflettente semi-trasparente. Durante il giorno, però, la potenza di illuminazione del display non è sufficiente per consentire un’adeguata visione.

In più, la qualità dei supporti è spesso poco soddisfacente. Uno schermo instabile e barcollante provvede l’incontrario di quello che deve essere un vero scopo dell’HUD. Per fortuna, oggi sono disponibili le soluzioni adeguate con il costo un po’ maggiore rispetto al supporto per il cellulare di media qualità, il prezzo del quale è circa 20 euro.

Opzioni molto limitate

Il prezzo per un’interfaccia HUD semi-professionale parte da circa 30 euro. Tutte queste soluzioni retrofit hanno una cosa in comune – un display rigido. Nell’era dei film in HD sugli smartphone è una cosa curiosa. Per quello che riguarda lo schermo, sembra di tornare nel passato, sebbene esso sia ideale per il suo scopo prestabilito – segnale chiaro con l’adeguata leggibilità.
display head-up segnaliLa gamma delle possibilità del display è abbastanza ampia. I dispositivi HUD più semplici indicano solo la velocità con le cifre di grande misura e chiaramente leggibili, a seconda del modello. Per alcuni utenti queste informazioni sono più che sufficienti.
Tipi di HUD di display head-upGli avvisi di velocità oggi è una delle caratteristiche standard di molte interfacce HUD. Un conducente che supera il limite della velocità riceve un avvertimento con l’indicazione della velocità massima consentita. La gamma di opzioni va ben oltre: i dispositivi di alta qualità indicano i valori dell’odometro, del consumo di carburante e funzionano come un navigatore.

Come l’HUD riceve i dati?

Come l'HUD riceve i datiCi sono tre modi per consentire la ricezione dei dati da parte di un dispositivo HUD.

1. Per le semplici applicazioni è di solito il segnale GPS. Questa tecnologia oggigiorno è incredibilmente precisa.

2. La seconda possibilità è un collegamento via cavo OBD. Questo dispositivo è originariamente destinato alla lettura della memoria errori. Gli appassionati del “fai da te”, come anche gli ingeneri, tendono sempre a trasformare questo collegamento in una fonte di dati polifunzionale. I segnali OBD si sono dimostrati ideali per il display HUD. Il vantaggio del collegamento via cavo è il costante approvvigionamento di elettricità per il dispositivo.

3. Tuttavia, il cavo dentro l’auto non piace a tutti. Per questo sono disponibili i display head-up con la funzione Bluetooth. L’unica cosa di cui avete bisogno in questo caso è un dongle USB che viene inserito nella porta OBD.

Installazione del display head-up

Installazione del display head-upLa sfida più grande è il retrofit dell’auto con l’HUD. I produttori offrono i kit completi che includono il foglio riflettente semi-trasparente, un supporto, il dispositivo HUD e un cavo OBD. L’approvvigionamento elettrico della maggior parte dei kit viene effettuato tramite il collegamento con l’accendisigari.

Nuova generazione è in arrivo

Le interfacce HUD della nuova generazione sono già disponibili negli USA, rispetto a loro le soluzioni usate in Europa sembrano antiche.

Il NAVDY è un display HUD con tutte le funzioni di uno smartphone: nel sistema sono integrati il display a LED, il controllo gesto e il controllo tramite mini-pad sul volante. Questa interfaccia permette di effettuare e ricevere le chiamate telefoniche e usarla come un navigatore. Il NAVDY richiede la connessione Bluetooth tramite lo smartphone.

l'HUD integratoGli altri dispositivi HUD della nuova generazione hanno le funzioni simili. L’unico svantaggio di questi sistemi molto innovativi è il loro prezzo. Se un display head-up rigido costa 30-50 euro, il prezzo dell’HUD 2.0 è dieci volte in più. Tuttavia, è sempre una soluzione più economica rispetto alle interfacce con l’installazione franco fabbrica. Esse sono perfettamente adatte all’auto e non hanno il cavo in vista. Nonostante ciò, queste soluzioni sono talmente costose, che spesso la loro installazione non ha molto senso. È chiaro che in seguito l’HUD integrato subirà la stessa sorte del suo predecessore – il navigatore, dato che tutte le soluzioni monofunzionali diventano col tempo obsolete.

Foto: Panchenko Vladimir, ambrozinio, MNBB Studio, Yodchompoo, Scharfsinn, Beros919, posteriori, NothingIsEverything, OliveTree / shutterstock.com

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (25 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...